Delegare o NON delegare, questo è il PROBLEMA - Gocce Network Marketing

Vai ai contenuti

Delegare o NON delegare, questo è il PROBLEMA

Autore: Pasquale Gambarelli - Anna De Flandre
Inserito su goccenetworkmarketing.it in data: 03/06/2019
 
SIEDITI.

RESPIRA profondamente.

RILASSATI.

Per quale motivo?

Sto per dirti qualcosa che ti SCONVOLGERÀ.

Cosa potresti mai dire per sconvolgermi?

Una cosa

  • BANALE,

  • SEMPLICE,

  • OVVIA.

Sto aspettando.



Non mi stai dicendo nulla di nuovo.

Allora perché pensi di poter eseguire un COMPITO in modo PIÙ

  • VELOCE,

  • EFFICIENTE,

  • VALIDO

se e SOLO se lo fai  

  • TU,

  • in PRIMA persona,

  • curando TUTTO nei MINIMI dettagli?

Ci sono dei compiti che non puoi delegare ad altri.

Hai RAGIONE.

NON ritieni che sia per QUESTO motivo che, una volta arrivato a CASA,  

  • ti senti

      • STANCO,

      • VUOTO

  • ti sembra che

      • le cose da fare siano TROPPE,

      • il TEMPO non sia MAI abbastanza,

e NON noti

  • lo STRESS che avanza,

  • la QUALITÀ della TUA vita che si

      • AGGRAVA,

      • DANNEGGIA,

      • PEGGIORA

di ORA in ORA,

  • i tuoi

      • OBIETTIVI,

      • TRAGUARDI

che, GIORNO dopo GIORNO, si allontanano sempre un PO’ di più?
  
Te lo RIPETO ancora una volta.



Ma tu NON credi alle mie parole.

Sei il classico NETWORKER che  

  • non si RISPARMIA,

  • fa tutto da SOLO

perché VUOLE

  • ottenere dei GRANDI RISULTATI,

  • nel MINOR tempo possibile?

Non vedo cosa ci sia di sbagliato.

Non c’è NULLA di sbagliato.

È del tutto  

  • NATURALE,

  • UMANO,

  • LEGITTIMO

nutrire il DESIDERIO di

  • ECCELLERE,

  • SFONDARE

ma DEVI renderti conto che NON PUOI riuscirci da SOLO.

La TUA squadra è la tua arma VINCENTE, a patto che TU accetti la

  • BANALE,

  • SEMPLICE,

  • OVVIA

VERITÀ della

  • INDISPENSABILE,

  • NECESSARIA,

  • FONDAMENTALE

UTILITÀ della DELEGA.

Non mi piace molto l’idea della delega.

Sai da DOVE nasce la tua

  • DIFFICOLTÀ,

  • CONTRARIETÀ

a DELEGARE?

Dal fatto che voglio evitare errori e ottenere dei risultati?

Ti SBAGLI.

La tua

  • DIFFICOLTÀ,

  • CONTRARIETÀ

a DELEGARE nasce dal tuo  

  • PENSARE,

  • RITENERE

che TU sei il

  • SOLO,

  • UNICO

a sapere COME  

  • SVOLGERE,

  • portare AVANTI

un determinato COMPITO.


 
Questa FALSA

  • CREDENZA,

  • OPINIONE

deriva dalla tua

  • NECESSITÀ,

  • ESIGENZA

di mantenere il CONTROLLO.

PIÙ avrai questa

  • NECESSITÀ,

  • ESIGENZA

di mantenere il CONTROLLO, MENO riuscirai a DELEGARE.

La persona cui delego un compito potrebbe non riuscire ad ottenere risultati soddisfacenti.

Fammi CAPIRE.

Il tuo TIMORE che una DELEGA possa riflettersi in modo

  • NEGATIVO,

  • SFAVOREVOLE,

  • CONTRARIO

alle tue ASPETTATIVE ti

  • INDUCE,

  • OBBLIGA

a fare da SOLO più cose possibili?

Ritieni che essere

  • OBERATO,

  • SOVRACCARICO

di COMPITI da svolgere sia PREFERIBILE al fatto di avere un LAVORO

  • SVOLTO,

  • ESEGUITO

in modo

  • DIVERSO,

  • DIFFERENTE

da come lo avresti svolto TU?

NON pensi, invece, che

  • ALLENTANDO,

  • DIMINUENDO

il tuo CONTROLLO potresti dedicarti ad attività di MAGGIOR respiro come

  • PIANIFICAZIONE,

  • PROGRAMMAZIONE,

  • CRESCITA individuale,

  • cura delle RELAZIONI?


 
È difficile fidarsi degli altri.

Sei TU che hai SCELTO  

  • la tua SQUADRA,

  • i tuoi COLLABORATORI

eppure NON ti fidi di loro ma  

  • SOLO,

  • UNICAMENTE

di te stesso?

NON deleghi perché hai

  • PAURA,

  • TIMORE

che i tuoi COLLABORATORI  

  • NON riescano a fare le cose nel modo CORRETTO,

OPPURE perché ritieni che

  • possano svolgere il compito assegnato MEGLIO di te?

NON deleghi perché ti aspetti che

  • i RISULTATI saranno AL DI SOTTO delle tue ASPETTATIVE,

OPPURE perché ritieni di  

  • poter perdere parte della  

      • IMPORTANZA,

      • RILEVANZA

che ha la tua FIGURA?

NON deleghi perché credi che  

  • DIMINUIRE,

  • RIDURRE

il tuo CONTROLLO equivalga a  

  • DIMINUIRE,

  • RIDURRE

la tua LEADERSHIP?

Quale che sia la TUA risposta vorrei farti NOTARE che PIÙ tendi a

  • MANTENERE,

  • AVERE

il CONTROLLO, MENO tempo avrai per

  • ASSUMERE,

  • VIVERE

le tue RESPONSABILITÀ verso

  • la tua FAMIGLIA,

  • la tua STRUTTURA,

  • i tuoi COLLABORATORI,

  • la tua PERSONA.

Io mi assumo le mie responsabilità.

Assumersi le proprie RESPONSABILITÀ vuol dire ritagliarsi del TEMPO  

  • per poter VIVERE la propria  

      • VITA,

      • FAMIGLIA

  • rendere PIÙ

      • EFFICACE,

      • PRODUTTIVA

la propria STRUTTURA,

  • far CRESCERE i propri COLLABORATORI affidando loro  

      • COMPITI,

      • LAVORI

di difficoltà CRESCENTE.
 


Assumersi le proprie RESPONSABILITÀ NON VUOL DIRE  

  • MANTENERE,

  • AVERE

il CONTROLLO ma

  • ACCETTARE,

  • RICONOSCERE,

  • INCLUDERE

tutti coloro che sono dalla TUA parte per poter SPINGERE

  • TE STESSO,

  • i tuoi COLLABORATORI,

  • i tuoi SOSTENITORI

a GRANDI altezze.

È questo quello che fa un  

  • VERO,

  • AUTENTICO



 
Avere LEADERSHIP significa assumersi le proprie RESPONSABILITÀ verso

  • la tua FAMIGLIA,

  • la tua STRUTTURA,

  • i tuoi COLLABORATORI,

  • la tua PERSONA

SENZA affondare nelle sabbie mobili

  • della MICRO-GESTIONE,

  • del CONTROLLO.

Il più grande ERRORE che tu possa fare è quello di  

  • RITENERE,

  • PENSARE

che assumersi la RESPONSABILITÀ sia del tutto

  • EQUIVALENTE,

  • CORRISPONDENTE

al fatto di

  • MANTENERE,

  • AVERE

il CONTROLLO.

La LEADERSHIP è ALTRO e imparare a DELEGARE è una delle sue CARATTERISTICHE  

  • MENO evidenti,

  • PIÙ qualificanti.

Come posso migliorare la mia capacità di delega?

Tanto per iniziare


 
Cosa devo cambiare esattamente?

Dovresti

  • COMPRENDERE,

  • AMMETTERE

la BANALE verità che NON PUOI fare tutto da solo.

Ognuno di noi ha dei LIMITI.

ACCETTALI.

ACCETTARE i tuoi LIMITI  è il  

  • SOLO,

  • UNICO

modo che hai per poterli

  • AFFRONTARE,

  • SUPERARE,

  • andare OLTRE

e avere la POSSIBILITÀ di

  • AGGUANTARE,

  • AFFERRARE

il SUCCESSO.


 
Ti RIFIUTI di  

  • ACCETTARE,

  • RICONOSCERE

i tuoi LIMITI?

Finirai con il BRUCIARTI.

In quale modo potrei bruciarmi?

Lo STRESS e la PRESSIONE di cercare di fare TUTTO da solo si faranno SENTIRE.

Può darsi che NON si facciano sentire  

  • OGGI,

  • nei prossimi MESI,

  • il PROSSIMO anno

ma, PRIMA o POI,  

  • verranno FUORI,

  • ti chiederanno il CONTO

e tu CROLLERAI.

D’altra parte, NON PUOI neanche passare da un estremo all’altro.

Cosa vuoi dire?

DELEGARE è una attività che richiede

  • PAZIENZA,

  • PERSEVERANZA,

  • PRATICA

ma, soprattutto, MISURA.

Inizia dando COMPITI

  • SEMPLICI,

  • poco COMPLICATI.

I tuoi COLLABORATORI saranno in grado di portarli a TERMINE con un PICCOLO

  • AIUTO,

  • SOPPORTO

da parte TUA.

RISULTATO?

TU acquisirai  

  • SICUREZZA,

  • FIDUCIA

verso

  • le tue SCELTE,

  • i tuoi COLLABORATORI

e sarai maggiormente DISPONIBILE a DELEGARE.

I tuoi COLLABORATORI acquisiranno

  • SICUREZZA,

  • FIDUCIA

in  

  • SÉ STESSI,

  • nelle LORO

      • CAPACITÀ,

      • ABILITÀ

e aumenteranno la loro COMPETENZA  

  • facendo CRESCERE la tua STRUTTURA,

  • avvicinando sempre più la CONQUISTA di quei RISULTATI che TU

      • DESIDERI,

      • VUOI.


 
Sembra così semplice.

Non è poi tanto DIFFICILE.

I tuoi COLLABORATORI hanno portato a termine con SUCCESSO il loro COMPITO?

FESTEGGIA il loro SUCCESSO.

ELOGIA il loro IMPEGNO.

AFFIDA loro un COMPITO un po’ più

  • COMPLICATO,

  • DIFFICILE

ma SEMPRE alla loro PORTATA.

I tuoi COLLABORATORI hanno FALLITO?

Spiega loro  

  • MOTIVI,

  • CAUSE

del FALLIMENTO.

Fornisci loro

  • TECNICHE,

  • STRUMENTI,

  • IDEE

per aiutarli a tagliare il TRAGUARDO che TU hai

  • FISSATO,

  • STABILITO.

Importante è che tu NON creda che il TUO modo di svolgere un  

  • COMPITO,

  • LAVORO

sia SEMPRE il

  • SOLO,

  • UNICO

modo POSSIBILE.

Il mio modo di svolgere un compito si basa su esperienza personale e risultati ottenuti.

NON sto dicendo di mettere da parte la tua ESPERIENZA.

Sto dicendo che  

  • TU sei TU,

  • i tuoi COLLABORATORI NON SONO TE.

NON PUOI  

  • PENSARE,

  • CREDERE

che ciò che va bene per TE possa andare bene per OGNUNO di loro.

Questo modo di  

  • RAGIONARE,

  • PENSARE

porterebbe a LIMITARE le

  • COMPETENZE,

  • CAPACITÀ,

  • ABILITÀ

dei tuoi COLLABORATORI e renderebbe

  • DIFFICILE,

  • COMPLICATO

fare LEVA sui loro TALENTI.

Io voglio solo fornire aiuto e supporto.

Fornire

  • AIUTO,

  • SUPPORTO

ai tuoi COLLABORATORI NON significa

  • LIMITARE,

  • CONDIZIONARE,

  • IMPEDIRE

la LORO libertà di AZIONE.


 
Inoltre, DEVI

  • ABBRACCIARE,

  • ACCETTARE,

  • VIVERE

il fatto che DELEGARE NON VUOL DIRE

  • ABDICARE,

  • RINUNCIARE

alla tua RESPONSABILITÀ.

Vuoi essere più chiaro?

TU sei il RESPONSABILE

  • PRINCIPALE,

  • FONDAMENTALE

del  

  • CONSEGUIMENTO,

  • RAGGIUNGIMENTO

dei RISULTATI della TUA SQUADRA per cui DEVI mettere in atto QUALUNQUE cosa TU ritenga

  • UTILE,

  • ADEGUATA

per ottenere un risultato POSITIVO.

Questo vuol dire

  • essere LEADER,

  • esercitare la propria LEADERSHIP.

Hai ACCETTATO  

  • CAMBIAMENTI,

  • MODIFICHE

da apportare alla tua MENTALITÀ?

Puoi


 
che ti permetta di  

  • RIDURRE,

  • LIMITARE

eventuali ERRORI.

Quale metodo?

Dovrebbe esserti CHIARO, da quanto detto, che DUE delle attività CENTRALI  della TUA azione di LEADERSHIP sono

  • DELEGA,

  • RESPONSABILIZZAZIONE.

Esiste un LIMITE a quello che puoi fare da SOLO prima di diventare

  • STRA-CARICO di lavoro,

  • STRESSATO,

  • INEFFICACE,

  • INCONCLUDENTE.

È assolutamente

  • CRITICO,

  • ESSENZIALE

che tu SVILUPPI le

  • COMPETENZE,

  • CAPACITÀ,

  • ABILITÀ

dei tuoi COLLABORATORI per

  • mantenere la

      • EFFICACIA,

      • INCISIVITÀ

della AZIONE della tua SQUADRA

  • sviluppare la TUA struttura,

  • ridurre lo STRESS,

  • avere TEMPO per poterti dedicare ad attività quali

      • PIANIFICAZIONE,

      • PROGRAMMAZIONE,

      • cura delle RELAZIONI,

      • ASCOLTO dei tuoi COLLABORATORI.
 


Come posso fare?

Un buon METODO  

  • SEMPLICE,

  • EFFICACE

per DELEGARE ottenendo contemporaneamente la

  • RESPONSABILIZZAZIONE,

  • CRESCITA

dei tuoi COLLABORATORI è il metodo SMART.

In cosa consiste il metodo SMART?

Il metodo SMART è un metodo di DEFINIZIONE degli obiettivi che può essere

  • UTILIZZATO,

  • IMPIEGATO

in maniera

  • SEMPLICE,

  • EFFICACE

per AFFIDARE ad altri la RESPONSABILITÀ di portare a termine un

  • COMPITO,

  • LAVORO

con SUCCESSO riuscendo a MANTENERE un qualche livello di CONTROLLO su

  • azioni da COMPIERE,

  • risultato FINALE.

La parola SMART sta per

  • S = SPECIFIC – Devi essere SPECIFICO il più possibile su quello che TU desideri che i tuoi COLLABORATORI facciano.

  • M = MEASURABLE – Devi riuscire a TRASMETTERE la

      • IMPORTANZA,

      • RILEVANZA

del portare a TERMINE il compito affidato assicurandoti di poter

      • VALUTARE,

      • MISURARE

la QUALITÀ del lavoro svolto.

  • A = ACHIEVABLE – Devi affidare dei compiti che siano

      • RAGGIUNGIBILI,

      • REALIZZABILI

per aumentare

      • MORALE,

      • SICUREZZA

dei tuoi COLLABORATORI e spingerli a dare il MASSIMO.

  • R = RELEVANT – Devi affidare a

      • SQUADRA,

      • COLLABORATORI

un

      • COMPITO,

      • LAVORO

che sia

      • IMPORTANTE,

      • RILEVANTE

per LORO ed in LINEA con le LORO

      • CAPACITÀ,

      • necessità di CRESCITA.

    • T = TIMELY – Devi assegnare ad ogni compito una DATA DI SCADENZA con cui

        • STABILIRE,

        • DETERMINARE

    la

        • EFFICACIA,

        • VALIDITÀ

    della AZIONE portata avanti da

        • SQUADRA,

        • COLLABORATORI.

    Adesso, non ti resta che APPLICARE questo metodo.

    Come posso metterlo in pratica?

    Entriamo nei DETTAGLI.



    In questa PRIMA fase, come passo INIZIALE, devi

    • IDENTIFICARE,

    • DEFINIRE

    il COMPITO da

    • SVOLGERE,

    • ASSEGNARE

    e  

    • il MOTIVO,

    • la RAGIONE

    per cui lo vuoi DELEGARE.

    Sembra facile.

    Hai le idee CHIARE?

    Non dovresti avere PROBLEMI.

    Hai qualche

    • DUBBIO,

    • INCERTEZZA?


     
    Le cose si COMPLICANO.

    In questo caso ti conviene partire da

    • VANTAGGI,

    • BENEFICI

    che lo SVOLGIMENTO del compito può apportare a

    • TE,

    • i tuoi COLLABORATORI,

    • la tua SQUADRA

    per avere una COMPRENSIONE

    • CHIARA,

    • NITIDA

    del

    • compito che hai in TESTA,

    • PERCHÉ lo vuoi DELEGARE.

    Hai raggiunto questa COMPRENSIONE

    • CHIARA,

    • NITIDA?

    Devi

    • SELEZIONARE,

    • SCEGLIERE

    il  

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    più ADEGUATO cui ASSEGNARE il compito.

    Qualche suggerimento?

    Chiediti se il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    è in grado di SVOLGERE il compito e se

    • possiede la COMPETENZA,

    • comprende la NECESSITÀ

    di portarlo a TERMINE.

    La risposta a UNA di queste domande è NO?

    Non puoi DELEGARE il

    • COMPITO,

    • LAVORO

    a quel

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    senza una ADEGUATA

    • FORMAZIONE per permettergli di CRESCERE,

    • MOTIVAZIONE per spingerlo ad entrare in AZIONE.

    Ritieni che il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    sia in grado di svolgere con SUCCESSO il compito che vuoi DELEGARE?

    Non ti resta che prepararti a COMUNICARE la tua DECISIONE in modo

    • SEMPLICE,

    • CHIARO,

    • COMPRENSIBILE

    e NON soggetto ad

    • INTERPRETAZIONI personali,

    • EQUIVOCI,

    • MALINTESI vari

    che possano  

    • DANNEGGIARE,

    • PREGIUDICARE

    il RISULTATO.



    Cosa è importante che io comunichi?

    Devi COMUNICARE

    • NATURA,

    • IMPORTANZA,

    • RILEVANZA

    del COMPITO e il PERCHÉ lo stai DELEGANDO cercando di essere il più

    • APERTO,

    • TRASPARENTE

    possibile per ottenere una ADESIONE

    • CONVINTA,

    • CONSAPEVOLE

    del tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO.

    Ti senti PRONTO?

    Puoi proseguire con  


     
    In questa SECONDA fase, oltre a  

    • COMUNICARE,

    • SPIEGARE

    quale RISULTATO  

    • OTTENERE,

    • CONQUISTARE

    attraverso lo SVOLGIMENTO del

    • LAVORO,

    • COMPITO

    devi essere  

    • CHIARO,

    • NETTO,

    • PRECISO

    su come verrà

    • DETERMINATO,

    • VALUTATO

    tale RISULTATO dando una

    • LIMPIDA,

    • TRASPARENTE,

    • ESAURIENTE

    DESCRIZIONE dello scopo FINALE da raggiungere.

    Saranno questi ELEMENTI a

    • DEFINIRE,

    • STABILIRE

    se il  

    • LAVORO,

    • COMPITO

    è stato portato a TERMINE e in quale MODO.

    I compiti che affidi devono essere

    • RAGGIUNGIBILI,

    • REALIZZABILI

    per cui assume particolare  

    • IMPORTANZA,

    • RILEVANZA

    la TERZA fase


     
    Non credo ci sia qualcuno che affidi dei compiti NON realizzabili.

    Dici?

    Allora mi sai spiegare PERCHÉ molti  

    • COMPITI,

    • LAVORI

    NON vengono portati a TERMINE?

    Forse perché la persona cui viene affidato il compito non si impegna abbastanza.

    In questo caso sei TU che hai commesso uno

    • SBAGLIO,

    • ERRORE

    nel  

    • SELEZIONARE,

    • INDIVIDUARE

    quel particolare

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    all'interno della TUA struttura di NETWORK MARKETING.


     
    In ogni caso, per AUMENTARE le

    • POSSIBILITÀ,

    • PROBABILITÀ

    che il

    • COMPITO,

    • LAVORO

    venga portato a termine con SUCCESSO, ti consiglio

    • CALDAMENTE,

    • VIVAMENTE

    di NON sottovalutare questa fase.

    Cosa dovrei fare in questa fase?

    La DELEGAZIONE è del tutto

    • INUTILE,

    • IMPRODUTTIVA

    e si risolve in una PERDITA di  

    • TEMPO,

    • RISORSE,

    • OPPORTUNITÀ

    se tu NON ottieni il RISULTATO che ti proponi di RAGGIUNGERE.

    Il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO,

    OLTRE a condividere il RISULTATO con te, deve essere messo nelle MIGLIORI condizioni per poterlo

    • RAGGIUNGERE,

    • CONQUISTARE.

    È questo il MOTIVO per cui devi CONCORDARE

    • gli OBIETTIVI da raggiungere,

    • quali

        • PERSONE,

        • STRUMENTI,

        • TECNICHE

    impiegare,

    • le MODALITÀ di svolgimento del COMPITO.

    Rendi  

    • CHIARO,

    • ESPLICITO

    al tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    che avrà SEMPRE il tuo

    • AIUTO,

    • SUPPORTO.


     
    Comportandoti in QUESTO modo riuscirai ad ottenere un

    • IMPEGNO,

    • MOTIVAZIONE

    maggiore dal tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    e AUMENTERAI le  

    • POSSIBILITÀ,

    • PROBABILITÀ

    di SUCCESSO.

    Non tutti i collaboratori si impegneranno al massimo.

    Vuoi essere  

    • SICURO,

    • CERTO

    che il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    si IMPEGNERÀ al massimo delle sue

    • CAPACITÀ,

    • ABILITÀ?

    Devi ASSOLUTAMENTE attuare il passo SUCCESSIVO.


     
    In questa QUARTA fase devi

    • ACCERTARTI,

    • ASSICURARTI

    che il

    • COMPITO,

    • LAVORO

    da  

    • ASSEGNARE,

    • DELEGARE

    sia in LINEA con gli

    • OBIETTIVI,

    • TRAGUARDI

    del tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO.

    Detto in parole povere, devi

    • ACCERTARTI,

    • ASSICURARTI

    che il  

    • COMPITO,

    • LAVORO

    da DELEGARE rivesta una CONSIDEREVOLE

    • IMPORTANZA,

    • RILEVANZA

    per il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    e rientri nella REALIZZAZIONE dei SUOI

    • OBIETTIVI,

    • TRAGUARDI.

    Adesso sei pronto per la fase CONCLUSIVA chiamata


     
    In cosa consiste questa fase?

    In questa QUINTA fase devi

    • DEFINIRE,

    • CONCORDARE

    entro QUANTO tempo il

    • LAVORO,

    • COMPITO

    dovrà essere portato a TERMINE.

    Dovrai  

    • STABILIRE,

    • FISSARE

    una DATA DI SCADENZA.  


     
    Ci sono dei compiti per cui non è possibile fissare una data di scadenza e che vanno portati avanti giorno dopo giorno.

    In questo caso si devono

    • STABILIRE,

    • FISSARE

    delle DATE in cui  

    • INCONTRARSI,

    • RIUNIRSI

    per

    • VALUTARE,

    • ESAMINARE

    i RISULTATI raggiunti.

    Non è POSSIBILE

    • INCONTRARSI,

    • RIUNIRSI?

    Si devono

    • DEFINIRE,

    • CONCORDARE

    delle DATE in cui  

    • INVIARE,

    • TRASMETTERE

    dei

    • RESOCONTI,

    • RAPPORTI

    su

    • andamento dello SVOLGIMENTO del compito,

    • RISULTATI raggiunti,

    • DIFFICOLTÀ incontrate.

    Il compito da  

    • AFFIDARE,

    • DELEGARE

    si rivela

    • DIFFICILE,

    • COMPLICATO,

    • COMPLESSO?

    Dividilo in compiti più

    • PICCOLI,

    • SEMPLICI

    facendo in modo di

    • STABILIRE,

    • CONCORDARE

    delle PRIORITÀ.


     
    Come puoi NOTARE, lo scopo del metodo SMART è quello di fornire un

    • CHIARO,

    • ROBUSTO

    piano di ATTACCO dove

    • colui che DELEGA,

    • coloro che vengono DELEGATI

    COMPRENDONO

    • COMPITO,

    • OBIETTIVI,

    • RISORSE necessarie,

    • MODALITÀ operative

    in modo tale da NON dare origine a

    • DUBBI,

    • EQUIVOCI,

    • FRAINTENDIMENTI,

    • AMBIGUITÀ

    di vario genere.

    Ci possono essere dei casi in cui bisogna cambiare qualcosa in corsa.

    Esiste la NECESSITÀ di  

    • AGGIUNGERE,

    • MODIFICARE,

    • CAMBIARE

    qualcosa?

    Nelle previste OCCASIONI di

    • INCONTRO,

    • RIUNIONE,

    • scambi di IDEE

    con il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    si possono  

    • RI-VEDERE,

    • RI-DEFINIRE,

    • RI-CONCORDARE

    sia

    • OBIETTIVI stabiliti,

    • RISORSE necessarie

    che

    • MODALITÀ operative.


     
    Ogni quanto tempo dovrei fare queste riunioni?

    La FREQUENZA di  

    • INCONTRI,

    • RIUNIONI,

    • scambi di IDEE

    dipende dalla COMPETENZA del

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    cui hai DELEGATO il

    • COMPITO,

    • LAVORO.

    Ovviamente, dovrai avere

    • INCONTRI,

    • RIUNIONI,

    • scambi di IDEE

    più FREQUENTI con coloro che sono MENO COMPETENTI e, quindi,

    • hanno BISOGNO,

    • NECESSITANO

    di MAGGIORE

    • AIUTO,

    • SUPPORTO,

    • ASSISTENZA

    durante lo SVOLGIMENTO del

    • COMPITO,

    • LAVORO.

    Ultima ANNOTAZIONE.

    Hai portato a TERMINE le varie fasi previste dal metodo SMART?

    NON dimenticare di COMUNICARE al tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    COME poterti fornire

    • INDICAZIONI,

    • INFORMAZIONI

    su basi  

    • COSTANTI,

    • REGOLARI

    relative a

    • AZIONI messe in atto,

    • DIFFICOLTÀ incontrate,

    • OBIETTIVI raggiunti

    per avere la

    • POSSIBILITÀ,

    • OPPORTUNITÀ

    di poter dare il NECESSARIO

    • AIUTO,

    • SOSTEGNO

    in modo  

    • VELOCE,

    • TEMPESTIVO.

    Il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    ha portato a TERMINE con SUCCESSO il suo

    • COMPITO,

    • LAVORO?

    Assegna al tuo  

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    un NUOVO

    • COMPITO,

    • LAVORO


     
    per dargli la OPPORTUNITÀ di

    • MIGLIORARE,

    • CRESCERE

    ulteriormente.

    Stai fornendo

    • AIUTO,

    • SOSTEGNO

    in modo

    • CONTINUO,

    • COSTANTE,

    • TEMPESTIVO?

    Stai risolvendo EVENTUALI

    • DUBBI,

    • INCOMPRENSIONI,

    • EQUIVOCI

    in modo

    • SEMPLICE,

    • CHIARO,

    • COMPRENSIBILE?

    Il tuo

    • COLLABORATORE,

    • GRUPPO

    vedrà in te un PUNTO DI RIFERIMENTO

    • SOLIDO,

    • VALIDO,

    • AFFIDABILE

    di cui NON poter fare a MENO.

    Riesci ad IMMAGINARE quale

    • CONSISTENZA,

    • SPESSORE

    acquisterà la tua figura di LEADER?


     
    Il viaggio di un aspirante LEADER è fatto di un  

    • CONTINUO,

    • COSTANTE

    AUTO-ESAME per costruire la CRESCITA  

    • PERSONALE,

    • dei propri COLLABORATORI,

    • della propria STRUTTURA.

    CRESCERE vuol dire  

    • RENDERSI CONTO,

    • ACCETTARE

    di NON poter fare TUTTO da soli.

    Aiutare i propri COLLABORATORI a

    • CRESCERE,

    • andare AVANTI

    vuol dire ASSEGNARE loro dei COMPITI da  

    • SVOLGERE,

    • ESEGUIRE

    che permettano la

    • REALIZZAZIONE,

    • CONQUISTA

    di quei

    • TRAGUARDI,

    • OBIETTIVI

    ritenuti

    • IMPORTANTI,

    • FONDAMENTALI

    per  

    • TE,

    • i tuoi COLLABORATORI,

    • la tua STRUTTURA.

    Aiutare i propri COLLABORATORI a

    • CRESCERE,

    • andare AVANTI

    vuol dire fornire

    • AIUTO,

    • SUPPORTO

    ed essere DISPONIBILE in caso di

    • OSTACOLI,

    • DIFFICOLTÀ,

    • PROBLEMI

    incontrati dai componenti della tua SQUADRA.

    Aiutare i propri COLLABORATORI a

    • CRESCERE,

    • andare AVANTI

    vuol dire che DEVI, assolutamente DEVI, trovare del TEMPO per

    • APPROFONDIRE

        • PROCEDURE,

        • TECNICHE,

        • MODALITÀ operative

    da TRASMETTERE

        • ai tuoi COLLABORATORI,

        • alla tua SQUADRA

    per ottenere il RISULTATO desiderato

    • INSEGNARE loro ad avere

        • FIDUCIA,

        • SICUREZZA

    in SÉ STESSI e nelle loro

        • CAPACITÀ,

        • ABILITÀ

    e nelle AZIONI che mettono in ATTO.

    NON PUOI

    • OTTENERE,

    • RAGGIUNGERE

    tutto questo se cerchi di

    • EVITARE,

    • SFUGGIRE

    all’atto della DELEGA.


     
    DELEGARE è assolutamente

    • OBBLIGATORIO,

    • NECESSARIO,

    • INDISPENSABILE

    se vuoi CRESCERE come  

    • PERSONA,

    • LEADER

    e diventare un PUNTO DI RIFERIMENTO

    • SOLIDO,

    • VALIDO,

    • AFFIDABILE

    per

    • i tuoi COLLABORATORI,

    • la tua SQUADRA,

    • la tua STRUTTURA.

    Hai PAURA di DELEGARE  

    • AUTORITÀ,

    • RESPONSABILITÀ,

    • COMPITI

    perché ritieni di PERDERE

    • il CONTROLLO della tua STRUTTURA,

    • la AUTORITÀ sui tuoi COLLABORATORI?

    Essere LEADER, mostrare una valida LEADERSHIP NON VUOL DIRE avere PAURA di PERDERE

    • il CONTROLLO della tua STRUTTURA,

    • la AUTORITÀ sui tuoi COLLABORATORI.

    Essere LEADER, mostrare una valida LEADERSHIP VUOL DIRE

    • ERGERSI,

    • SOLLEVARSI

    al ruolo di

    • GUIDA,

    • INSEGNANTE,

    • MAESTRO.

    DEVI trovare  

    • il CORAGGIO,

    • la FORZA

    di DELEGARE per avere la

    • POSSIBILITÀ,

    • OCCASIONE

    di prendere per mano

    • i tuoi COLLABORATORI,

    • la tua SQUADRA,

    • la tua STRUTTURA

    e condurli sulla via del SUCCESSO dimostrando di essere quel

    • LEADER,

    • FARO

    in cui loro SPERANO e di cui sono alla DISPERATA ricerca.


     




    Non sono presenti ancora recensioni.
    0
    0
    0
    0
    0

      
    Torna ai contenuti